Ok
Vi informiamo che il nostro negozio online utilizza i cookies e non salva nessun dato personale automaticamente, ad eccezione delle informazioni contenute nei cookies.
Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Bistoccu di Montresta

Condividi

20 Oggetti

Il Bistoccu di Montresta è un pane secco tradizionale prodotto nel piccolo borgo collinare di Montresta, nella Planargia, in provincia di Oristano. Si tratta di un pane a lunghissima conservazione, perché la seconda cottura, effettuata dopo aver rimosso la mollica, elimina praticamente ogni residuo di umidità. È un prodotto che racconta le origini agricole dei sardi attraverso ingredienti semplici, ma qualitativamente molto alti: farina di grano tenero, semola di grano duro, sale, acqua e lievito. Si distingue per il gusto saporito e la consistenza croccante, che lo rendono un gradevole spuntino da consumare in qualsiasi momento del giorno. Da utilizzare anche per insaporire zuppe e verdure ripiene.

3,70 €
  • 250 gr
  • integrale 250 gr

Come mangiare il Bistoccu di Montresta

Il Bistoccu di Montresta è il pane che i nostri nonni (davvero, proprio i nostri!) portavano con sé nei campi durante le lunghe giornate di lavoro ed è in questo modo che potete continuare, anche voi, a mangiarlo: basta bagnare il pane con qualche goccia d’acqua per ammorbidirlo un po’ oppure, se preferite, potete anche consumarlo così com’è, al naturale, a mo’ di cracker, anche se vi assicuriamo che è molto più buono dei cracker a cui siete abituati! Il sapore è infatti dato tutto dagli ingredienti naturalissimi e genuini, senza aggiunta di additivi sintetici.

La lunga conservazione è unicamente garantita dal metodo di cottura; quando siete a corto di pane fresco, potete tirar fuori in qualsiasi momento la vostra confezione di Bistoccu e usarla come accompagnamento a primi e secondi, ma anche insieme ai formaggi. Un ottimo modo per utilizzare in cucina questo pane secco è impiegarlo come base per zuppe di legumi o di pesce: si fonderà con il brodo creando una crema densa, davvero gustosa, che donerà una marcia in più ai vostri primi piatti. Provate il Bistoccu anche mischiato al ripieno delle verdure al forno.

Una curiosità in più?

La conservazione odierna della tradizione del Bistoccu di Montresta si deve soprattutto ai fondi stanziati dalla regione Sardegna per la costruzione di un panificio dove, da maggio a ottobre, sono impiegate ben 15 persone. La produzione del Bistoccu segue ancora metodologie tradizionali: in particolare, la fase di apertura del Bistoccu che precede la seconda infornata (la “biscottatura”, come suggerisce il nome) è un’operazione molto delicata che va effettuata mediante un coltello, con grande precisione per evitare di rompere la pasta e rovinare così il pane. La tradizione del Bistoccu viene conservata ancora da alcune famiglie sarde e da piccoli panifici artigianali.

Scroll