close
We inform you that our online store uses cookies and does not automatically save any personal data, except for the information contained in the cookies.
We use both technical and third-party cookies to send promotional messages based on user behavior. You can know the details by consulting our privacy policy
Continuing browsing you accept the use of cookies; otherwise you can leave the site.

Metti una sera un cocktail con un tagliere di formaggi

Metti una sera un cocktail con un tagliere di formaggi

Orrore e raccapriccio: questa la reazione dei più di fronte all’idea di abbinare i formaggi con i cocktail. Ma che dobbiamo fare se né vino né birra aggradano il nostro commensale? Hai voglia a spiegargli la poesia di abbinare i diversi formaggi alla giusta birra artigianale o vino, se il suo palato non è sufficientemente educato da apprezzare la fiorente generosità del territorio italiano. Ecco allora che, shaker alla mano, l’asso di briscola va calato per mezzo delle bevande da aperitivo e dei superalcolici in genere. Vi presentiamo qui 4 idee per rivoluzionare l’happy hour e far contenti i vostri amici amanti degli spiriti!

Aperitivo “alla greca”: caipiroska di anguria e tartine al caprino

Caipiroska all'anguria accompagnata da tartine al formaggio caprinoFormaggio di capra e anguria sono due ingredienti che stanno sorprendentemente molto bene insieme, tanto che in Grecia si trovano spesso coprotagonisti di freschissime insalate estive. Proprio questo abbinamento ci fornisce lo spunto per una prima proposta di aperitivo: e quale alcolico si addice più della vodka per accompagnare una rinfrescante granita di anguria? Per prepararla in modo veloce non dovete che frullarla, congelarla nei portacubetti di ghiaccio e poi tritarla per creare la base di una caipiroska che poi servirete in un bicchiere da cocktail, guarnendola con un rametto di rosmarino. Proponete la vostra caipiroska di anguria insieme qualche tartina spalmata con formaggio caprino e guarnita con un ricciolo di cetriolo, che richiamerà il sapore della parte verde dell’anguria

La coppia in blu: mojito ai mirtilli con formaggio erborinato

Mojito ai mirtilli accompagnato da tagliere di formaggi erborinatiI formaggi erborinati, come il Roquefort, il Castelmagno o il Gorgonzola, si accostano naturalmente alle note aspre del mirtillo. Se, dunque, è un tagliere di blue cheese che intendete proporre ai vostri invitati, l’abbinamento naturale verrà da una versione alternativa e molto sfiziosa di uno dei cocktail più amati in Italia: il mojito ai mirtilli. In questo caso il rum che viene utilizzato è quello scuro, ma per il resto gli ingredienti sono gli stessi del mojito classico: succo di lime, foglie di menta, zucchero di canna e, appunto, i mirtilli, che vengono pestati insieme agli altri componenti. Effetto “wow” garantito!

Al contadino non far sapere quant’è buono il cacio con rum e pera…

Rum e pera accompagnato da cubetti di Fiore SardoChe formaggio e pere vadano particolarmente d’accordo in cucina è ormai pacifico. Si fa presto, però, a dire formaggio e pere: di varietà, in entrambi i casi, ve ne sono davvero molte e molteplici sono dunque anche i possibili abbinamenti. In questo periodo dell’anno, ad esempio, le pere più diffuse sono le Coscia, le William, le Spadona e le Kaiser: mentre le prime due sono perfette insieme a formaggi di capra e di pecora semistagionati, ai caciocavalli e alle scamorze fresche, le altre due si abbinano meglio a formaggi grassi come Camembert e Brie. Il nostro consiglio per un aperitivo 100% sardo prevede di portare in tavola dei cubetti di Fiore Sardo, uno dei nostri pecorini stagionati più eccellenti, accompagnati a un cocktail a base di rum scuro in cui avrete infuso fettine di pere Coscia o William e aggiunto un tocco di succo di mela, che addolcirà il gusto molto forte del formaggio. Per completare il cerchio, potete affiancare ai cubetti di formaggio altrettanti cubetti ricavati dallo stesso tipo di pera utilizzato per il cocktail.

Sogni di campagna inglese: gin liscio e formaggio di pecora

Il formaggio di pecora stagionato richiama gli aromi di ginepro del gin liscioAvete un pubblico molto esigente di gusti? Allora ecco un’opzione per cascare sempre sul morbido, con cui potete andare a sfruttare alcune caratteristiche organolettiche dell’alcolico e del formaggio che si abbinano in modo naturale, senza intaccarne il sapore originario: la nostra proposta prevede infatti l’uso di gin liscio, eventualmente on the rocks, da abbinare a un formaggio stagionato di vostra scelta purché realizzato con latte di pecora. Questi formaggi si caratterizzano infatti per la presenza di note acidule e di frutta secca che richiamano fortemente quelle del gin. Se pensate che i vostri ospiti siano pronti a osare di più, allora potete proporre il formaggio con un intingolo di accompagnamento preparato con aceto balsamico e ginepro. Il ginepro, infatti, è una delle note che spicca maggiormente nel profilo aromatico del gin. Ed è subito English countryside!

Scroll